Dodicesima RTO

Il giorno 1 Aprile la sezione AIA di Latina ha dato il benvenuto all' amico, prima che componente del Settore Tecnico Arbitrale, Nazzareno Ceccarelli.

"L' importanza e la bellezza di essere arbitri sono racchiusi nella TECNICA, ETICA, ORGANIZZAZIONE ed UMANIZZAZIONE."

La riunione è iniziata con un video che ha mostrato la vita nel centro tecnico di Coverciano e il collega Nazzareno ha augurato a tutti di poter vivere un momento del genere almeno una volta nella vita. Per raggiungere tali obiettivi è fondamentale fare squadra con la propria sezione e il primo passo è proprio l' umanizzazione che è una delle principali doti di un arbitro, che gli consente di essere qualcosa di straordinario nella vita e sul terreno di gioco.

"I giocatori vanno trattati per quello che sono, senza ledere i loro diritti, ma bisogna farsi rispettare mostrandosi cortesi e autorevoli, mai arroganti perché siamo ospiti."

È inoltre molto importante rimanere costantemente "aggiornati", perché il gioco del calcio è un ambiente in continuo perfezionamento e di anno in anno piccoli dettagli vengono implementati o modificati e perdendone anche solo uno, non saremmo più credibili sul terreno di gioco in quanto non abbiano i mezzi per far rispettare nel corretto modo il regolamento. Il rispetto va poi mantenuto anche nel colloquio con l' Osservatore Arbitrale, ammettendo anche i propri errori senza inventarsi inutili scuse che precludono la possibilità di analizzare le proprie lacune e trovare un modo per superarle e così migliorarsi, ricordandosi quindi che errare è umano.

A fine riunione l' ospite ha invitato tutti a riflettere su cosa significhi per noi essere arbitri, cosa ci può dare quest' esperienza, sulla lezione odierna, sul video di Coverciano, ma soprattutto sulle nostre ambizioni perché alla base di ogni percorso bisogna crederci!